Lo spacco di Belen tra gli ingranaggi sanremesi

Fonte Foto: Imfromim.it

A dare un tocco osè alla seconda serata dedicata al Festival di Sanremo non poteva mancare Belen Rodriguez, il cui spacco mozzafiato, enfatizzato da un tatuaggio a farfalla, non ha potuto che attirare gli obiettivi dei fotografi schierati in prima fila e gli sguardi incuriositi o sconcertati del pubblico.

Belen riesce a mostrarsi completamente a proprio agio di fronte alla platea dell'Ariston, rubando la scena ad una Canalis impacciata, che a tratti sembra avere bisogno di un provvidenziale suggeritore che le ricordi le battute da pronunciare. Ad Elisabetta tremano visibilmente le gambe, mentre la Rodriguez le mostra fino all'inguine senza arrossire.

Gli abiti indossati dalle due vallette non sembravano rendere giustizia allo stile nostrano in materia d'abbigliamento. Della propria classe in fatto di alta moda l'Italia infatti può gloriarsi perfino in tempo di crisi e ricevere a profusione ammirazione dall'estero, come accade praticamente da sempre. Le regole auree del bon ton pare però siano state dimenticate in occasione del Festival.

La seriosità di Morandi e il tecnicismo di Papaleo dovevano però pur essere in qualche maniera controbilanciati da gaffe, teatrini e scivoloni. Non importa allora se la Canalis ha la voce rotta ed il passo incerto e se Belen non pronuncia correttamente i nomi degli artisti in gara o i titoli dei brani.

Ogni dettaglio è parte integrante degli ingranaggi della macchina del Festival di Sanremo, che i discorsi sconclusionati di Celentano, le burle dei Soliti Idioti e brani musicali meno orecchiabili del previsto continueranno ad oliare, fino al sopraggiungere dell'imprevedibile serata finale.

Marta Albè