Ballarò e il giallo della telefonata muta di Berlusconi (video)

giovanni floris

Non è ancora stato risolto il mistero relativo alla telefonata che Silvio Berlusconi avrebbe effettuato verso la conclusione della seconda puntata di "Ballarò", andata in onda lo scorso martedì sera.

Giovanni Floris aveva precedentemente fissato la regola di non accettare più telefonate provenienti da Palazzo Grazioli, preferendo, e dunque proponendo, un confronto diretto in trasmissione con il Premier.

All'annuncio dell'arrivo di una chiamata da parte del Presidente Berlusconi, Floris ha però deciso su due piedi di compiere un'eccezione, dato il particolare momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando.

Dopo due tentativi di collegamento telefonico con il Premier e altrettanti saluti di benvenuto da parte del conduttore, la comunicazione non ha potuto avere luogo. Il telefono infatti risultava muto, nonostante a Floris avessero assicurato che Berlusconi fosse in linea.

L'accaduto non è ancora stato chiarito. Perché il Premier non è intervenuto se davvero si trovava dall'altro capo del telefono? Si è trattato semplicemente di un problema tecnico con l'audio? È difficile che nel caso di un telefono fisso la linea cada due volte di seguito; può darsi dunque che Berlusconi sia stato trattenuto dall'intervenire o vi abbia rinunciato. Si tratta ovviamente di semplici ipotesi, nell'attesa di avere un chiarimento, magari nel corso della prossima puntata.

Marta Albè