Miss Italia è Stefania Bivone: niente lacrime o scorciatoie per lei. Ma è flop

Fonte Foto: televisionando.itSi è conclusa ieri sera la 72esima edizione di Miss Italia, incoronando come di consueto la più bella delle partecipanti, secondo il parere della giuria.


La nuova Miss Italia è Stefania Bivone, una diciottenne di origini calabresi, che si definisce una ragazza semplice e sempre sorridente, di certo sincera. Non l'abbiamo infatti vista versare nemmeno una lacrima durante il momento dell'incoronazione, quando solitamente le nuove reginette di bellezza non riescono a trattenere il pianto.

 

Sembra dunque che Stefania abbia saputo superare il cliché del binomio lacrime-corona, mostrando al pubblico la propria gioia attraverso un bel sorriso. A sfavore degli indici d'ascolto, il pianto mancato è stato l'unico "colpo di scena" della finalissima, che si è trascinata piuttosto stancamente, tra sfilate e autopresentazioni delle candidate.

 


Secondo i dati Auditel, la finalissima di quest'anno sarebbe stata seguita da ben 600mila spettatori in meno rispetto alla scorsa edizione. E voi vi siete sintonizzati su Rai Uno o per quest'anno vi avete rinunciato?

 

Grande disappunto da parte della stessa Patrizia Mirigliani, che ha cercato di spiegare il flop dichiarando che nelle ultime edizioni il concorso sarebbe stato considerato al pari di un qualsiasi programma tv, e non come una manifestazione dedicata all'esaltazione della bellezza, anche in senso artistico.

 

E riguardo ai vari regolamenti e restrizioni imposti alle aspiranti Miss? Tanto rumore per nulla. Sull'intervento del giornalista Massimo Bernardini – il quale ha dichiarato: "L'aspetto positivo è che nessuna di queste ragazze compare nelle intercettazioni di questi giorni..." – Fabrizio Frizzi ha glissato mettendo in campo la sua canonica risata.

 

Dal canto nostro riteniamo che ciò sia solo un bene, visto che pare sia impossibile al giorno d'oggi comparire in Tv senza dover intraprendere scorciatoie. La neoeletta sembra voler mantenere i propri sani principi. Ecco come ha risposto quando le è stato chiesto fino a che punto arriverebbe per raggiungere il successo: "Solo fino ad un certo punto. Mai vendendo il mio corpo. E poi la bellezza si può mostrare anche con un vestito".

 

Nella speranza che la sua innocenza non venga fagocitata da meccanismi completamente differenti.

 

A tutte le Miss che, pur dichiarando che la laurea è la loro meta principale, sono riuscite a trovare il tempo per partecipare alle infinite selezioni per giungere alla finalissima, auguriamo di non lasciarsi accecare da un successo che sembra essere davvero di breve durata: che fine hanno fatto le Miss delle più recenti edizioni?

Marta Albè