Giornata mondiale senza fumo: stop alle sigarette per 24 ore

giornata senza fumo lilt - fonte foto: lilt.it

Stop alle sigarette per 24 ore. Stop ai mozziconi che deturpano i parchi e le aree verdi cittadine. Il prossimo 31 maggio cade la Giornata Mondiale Senza Fumo, promossa da parte dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. In tale occasione la Lilt (Lega italiana per la lotta ai tumori), da sempre impegnata dal punto di vista della prevenzione, propone un'iniziativa per liberare parchi e spazi verdi urbani dalle sigarette e dal tabacco.

Sono 6 milioni gli individui uccisi ogni anno dal tabacco, tra fumatori e non fumatori, in quanto da non sottovalutare è il grave problema del fumo passivo. Le maggiori patologie in grado di provocare la morte sono tumore ai polmoni (la cui causa principale è stata imputata al fumo di sigaretta per oltre l'85% dei casi), enfisemi, bronchite cronica e malattie cardiovascolari.

Le donne si trovano sempre più a rischio rispetto al tumore ai polmoni causato dal fumo di sigarette, tanto che, secondo le statistiche, delle migliaia di nuove diagnosi della malattia per l'anno 2012, ben un quarto riguarderebbero proprio le donne, con particolare riferimento alle fumatrici.

In occasione della Giornata Mondiale Senza Fumo, la Lilt si pone in prima linea nella speranza di poter giungere, almeno per 24 ore, all'eliminazione di sigarette e tabacco, e dei loro resti che deturpano i prati, dai parchi e dalle aree verdi. Il problema del fumo negli spazi pubblici è correlato sia all'inquinamento dell'aria che dei terreni, sia alla frequente presenza di bambini all'interno di essi, i quali si ritrovano così ingiustamente esposti al fumo passivo.

La Lilt sarà presente su tutto il territorio italiano grazie ai suoi 25 mila volontari, nel corso della Giornata Mondiale Senza Fumo, al fine di promuovere la prevenzione delle malattie causate dalle sigarette. Lo slogan "Libertà! Non mandare in fumo la tua libertà" sarà accompagnato dalla distribuzione di materiale informativo. Inoltre, gli ambulatori ed i punti prevenzione Lilt saranno aperti ai cittadini che vorranno effettuare visite e controlli e che desiderino ricevere consigli utili per smettere di fumare.

Marta Albè

Leggi anche:

- Tumore ai polmoni: le donne sempre più colpite
- Sigarette: ecco i 101 motivi per non fumare

Pin It