Congiuntivite virale: come difendersi in caso di influenza

congiuntivite virale influenza

La comune influenza o un banale raffreddore possono aumentar il rischio di contrarre la congiuntivite virale, una forma di congiuntivite che si differenzia dalla variante causata dai batteri per durata dei sintomi e pericolosità per la vista.

Si tratta di una patologia che potrebbe non rispondere alle cure utilizzate nel caso della congiuntivite batterica e che potrebbe richiedere di rivolgersi ad una clinica oculistica specializzata per il relativo trattamento. Mentre la forma batterica della congiuntivite guarisce in pochi giorni ed è facilmente trattabile con gocce ed antibiotici, la sua forma virale può perdurare da sei ad otto settimane, fino ad un anno, senza che si possa intervenire con una cura realmente efficace.

Il rischio è che l'infezione possa espandersi alla cornea. Un danneggiamento della cornea potrebbe provocare una diminuzione permanente della vista. Secondo gli esperti del Birmingham Midland Eye Centre, la vista potrebbe calare così tanto da non permettere più ai pazienti di guidare.

Le probabilità di comparsa della congiuntivite virale aumentano in caso di influenza o di raffreddore, a parere degli esperti. Gli adenovirus possono raggiungere gli occhi dal naso attraverso i dotti lacrimali, oppure per via del contatto con le dita. Gli esperti raccomandano di non toccare gli occhi con le dita durante il raffreddore o l'influenza.

Un ulteriore fattore di rischio è rappresentato dall'impiego di lenti a contatto, che riducono l'ossigeno nella zona degli occhi, provocando secchezza, da contrastare utilizzando apposite gocce, che possano contribuire all'espulsione di virus e batteri attraverso la lacrimazione, oltre che a ridurre l'irritazione. Secondo gli esperti, esse andrebbero utilizzate fin da subito, nel momento in cui si avvertano irritazione o secchezza oculare. Applicare impacchi di acqua fredda può contribuire ad alleviare i fastidi.

Evitare di toccare gli occhi può inoltre permettere di evitare che l'infezione venga trasmessa da un occhio all'altro. Nel caso compaiano fastidi oculari di durata superiore alla norma, è bene rivolgersi immediatamente al proprio medico, in modo da verificare se si possa trattare di congiuntivite virale e da poter agire di conseguenza.

Marta Albè

LEGGI ANCHE:

- COME RICONOSCERE UNA MALATTIA ATTRAVERSO GLI OCCHI

- 4 RIMEDI NATURALI CONTRO L'ORZAIOLO