Chiusura ospedali psichiatrici: e gli 800 malati mentali?

immagine

Dal 1 aprile gli ospedali psichiatrici giudiziari (Opg) verranno chiusi in base a un disegno di legge voluto dai ministeri di Salute e Giustizia.

La beffa è che si tratta di una chiusura prevista già dall'anno scorso mentre il decreto che assegna le risorse alle Regioni per la loro riconversione in strutture residenziali speciali è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale solo lo scorso 7 febbraio. Quindi, 800 malati mentali gravi rimarranno soli e senza cure perché le strutture alternative di assistenza previste "non sono ancora state approntate dalle Regioni".

È questo l'allarme lanciato dalla Società italiana di psichiatria (Sip), che chiede una proroga dei termini. Si potrebbero verificare, avverte il presidente eletto Emilio Sacchetti, "problemi di sicurezza per il rischio di reiterazione di reati da parte di alcuni dei pazienti". La mancata gradualità nella chiusura degli OPG e "l'inascoltato appello a una proroga, rischia di provocare gravi conseguenze".

Il Decreto pubblicato in Gazzetta ufficiale il 7 febbraio prevede la ripartizione di più di 173 milioni tra le Regioni che, entro 60 giorni, dovranno presentare uno specifico programma di utilizzo delle risorse. Ma il meccanismo di finanziamento previsto per la ripartizione dei fondi è molto complesso, secondo la Società italiana di psichiatria. "È probabile che i fondi saranno disponibili tra 6 mesi, poi le regioni dovranno indire gli appalti. Se i lavori inizieranno nel 2014, le nuove strutture saranno pronte solo nel 2015", come previsto dal presidente della Sip, Claudio Mencacci, e direttore del dipartimento di neuroscienze dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano.

La Sip denuncia, inoltre, la carenza di assistenza psichiatrica nelle carceri, dove confluiranno molti di questi malati che andranno a sommarsi al 15% di detenuti (oltre 10 mila nel 2012) affetto da disturbi psichici, malattie infettive o correlate alle dipendenze.

Il ddl, spiega Mencacci, "è stato portato avanti senza sentire ragioni. Questo non è accettabile, così come che agli psichiatri, che a causa di questo provvedimento saranno gravati da ulteriori responsabilità civili e penali, venga richiesta una funzione di vigilanza e custodia di questi malati invece di svolgere le funzioni di cura che loro competono". Prima di chiudere gli OPG, "occorre realizzare degli interventi strutturali tali da garantire, laddove necessario, la messa in sicurezza sia dei pazienti sia degli operatori e della comunità. Mentre oggi i reparti sono aperti e non preparati a gestire, in assenza di una rete coordinate alle spalle - avverte Sacchetti - situazioni di pazienti che possono reiterare un delitto".

Gli Opg che dovranno essere chiusi sono sei: Aversa (Caserta), Montelupo Fiorentino (Firenze), Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), Castiglione delle Stiviere (Mantova), Napoli e Reggio Emilia.