Cancro: un nuovo farmaco dalle foglie di Neem

neem cancro

Cancro, una nuova speranza per il trattamento della malattia giunge dagli estratti di Neem. Il Neem è una pianta dalle spiccate proprietà curative originaria dell'India e della Birmania. I suoi benefici sono conosciuti da secoli dalle popolazioni locali, ma soltanto da pochi anni la medicina ufficiale ha iniziato ad approfondirle.

L'estratto di albero di Neem si era già rivelato come un possibile rimedio naturale per combattere l'Hiv. Le sue proprietà curative sono state studiate da parte degli esperti per verificarne l'efficacia contro il virus che causa l'Aids. Ora i benefici del Neem sono stati associati dalla scienza ad un possibile nuovo trattamento per il cancro.

Un gruppo di ricercatori del Chittaranjan National Cancer Institute ha deciso di verificare le potenzialità anticancro di una proteina estratta dalle foglie di Neem. Hanno potuto così osservare come la glicoproteina NLGP sia in grado di agire rafforzando le cellule immunitarie, la cui azione consiste nell'inibire le cellule tumorali. Queste ultime non vengono distrutte dalla proteina, ma agiscono modificando l'ambiente cellulare che circonda il tumore, cercando di ricondurlo alla normalità.

L'ambiente che circonda il tumore, come evidenziato dagli esperti, è formato sia da cellule tumorali che da cellule che non sono ancora cancerogene, ma che contribuiscono alla crescita e alla proliferazione del tumore. La proteina contenuta nel Neem è in grado di limitare proprio tale processo. Essa si è rivelata in grado di attivare le cellule killer denominate T CD8, che agiscono contrastando la diffusione del cancro. Grazie all'azione della proteina, le cellule incrementano il proprio contenuto di molecole e diventano in grado di distruggere il tumore.

I ricercatori impegnati nello svolgimento dello studio hanno comunicato che presto potrà essere disponibile un farmaco a base della proteina estratta dalle foglie di Neem. Secondo i primi risultati ottenuti dagli esperti, il farmaco agirà senza effetti collaterali e potrà essere iniettato per via intramuscolare. I risultati dello studio, da alcuni definito rivoluzionario, sono stati pubblicati sulla rivista PlosOne.

Marta Albè

Leggi anche:

- Estratti dell'albero di Neem per la lotta al virus dell'Hiv

- Olio di neem: proprietà, benefici ed i suoi numerosi utilizzi