Tumore al seno: donne con mutazioni genetiche si ammalano prima

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le mutazioni dei geni BRCA1 o BRCA2 possono anticipare l’insorgere di un tumore al seno.

È così che le donne che nel proprio patrimonio genetico presentano tali alterazioni sarebbero più a rischio e in una età più giovane rispetto al passato.

È quanto emerge da uno studio dell’Anderson Cancer Center dell’Università del Texas, che ha preso in esame 106 donne portatrici di una di queste due mutazioni le loro famiglie. Il tumore al seno è stato loro diagnosticato intorno ai 42 anni, mentre nella generazione precedente le donne affette dalla stessa neoplasia avevano ricevuto la diagnosi tra i 48 e i 50 anni.

Secondo gli esperti ciò dimostra come la patologia si stia presentando prima, anche a causa di influenze ambientali e stili di vita spesso non proprio salutari, e che le donne portatrici di mutazioni geniche dovranno iniziare lo screening già a 25 anni.

LEGGI TUTTO SULLA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.