donne e lavoro

Donne e lavoro, Formigoni: “Mai più costrette a scegliere”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un Comitato strategico “Donna-Famiglia-Lavoro” per la realizzazione di politiche innovative a favore della donna nella società. È stato lanciato dal Presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni il quarto progetto speciale, che conivolgerà rapppredsentanti degli ambiti più disparatai: da imprenditori a sindacalisti, dalle associazioni familiari e femminili a esponenti dell’università, dalla ricerca ai giuristi, fino a personalità della cultura e dello spettacolo.

Obiettivo finale, del progetto, secondo Formigoni, è rendere più semplice la vita delle donne, senza doverle costringere in qualche modo a scegliere tra famiglia e lavoro. Il Comitato avrà il compito di affiancare Formigoni nella scelta e nell’individuazioni di politiche più mirate, volte all’affermazione della donna nella società. Per questo è previsto un fondo pari a 10 milioni di euro all’anno.

Queste le parole del Presidente della Regione:” Faremo in modo che nessuna donna sia più costretta a scegliere tra cura delle relazioni familiari e lavoro. Per superare la contrapposizione tra maternità e lavoro, tra famiglia e impegno nel sociale occorre incidere sull’organizzazione dei servizi e degli orari nelle città, nelle scuole, nella pubblica amministrazione, nelle aziende, nel commercio e, prima ancora, incentivare una cultura aziendale, politica, sociale in grado di valorizzare i talenti“. Un mondo a misura di donna.

L’iniziativa è senza dubbio lodevole, ma fa riflettere il fatto che una simile proposta venga resa nota a ridosso delle elezioni. In ogni caso, lungi dal fare considerazioni politiche, l’auspicio è che progetti simili prendano sempre più campo, per far sì che una donna possa avere sempre maggiori possibilità.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.