Sesso: quello occasionale causa ansia e depressione

sesso occasionale

Una recente indagine effettuata su un gruppo di partecipanti di età compresa tra i 18 e i 25 anni ha evidenziato che fare sesso con una persona che si è conosciuta da meno di una settimana porta ad avere un maggiore "disagio psicologico". Tuttavia, i ricercatori non hanno stabilito se i problemi di benessere psicologico esistenti abbiano indotto i giovani a impegnarsi in determinati tipi di comportamenti piuttosto che altri.

L'amore e il matrimonio, dunque, possono andare a braccetto, ma così non fanno il sesso occasionale e i problemi di salute mentale da esso provocati.

I ricercatori, quindi, hanno scoperto che gli studenti universitari, i quali recentemente avevano avuto rapporti occasionali, lasciano trasparire livelli più elevati di ansia generalizzata, ansia sociale e depressione. In particolare, gli scienziati hanno interrogato 3.900 studenti universitari eterosessuali di età compresa tra 18 e 25, selezionati da 30 scuole diverse di tutti gli Stati Uniti. Il questionario riguardava proprio la loro vita sessuale e il benessere mentale. E quanti hanno ammesso di aver avuto da poco rapporti sessuali occasionali hanno anche delineato livelli più bassi di autostima, di felicità e soddisfazione di vita rispetto agli intervistati che, al contrario, erano impegnati da lungo tempo o non avevano avuto sesso occasionale da almeno 30 giorni.

"È prematuro concludere che gli incontri sessuali occasionali non portino rischi psicologici dannosi per i giovani adulti", ha dichiarato Melina Bersamin della California State University di Sacramento e autrice dello studio. I risultati, infatti, suggeriscono che "il sesso occasionale è stato associato negativamente con il benessere e positivamente con il disagio psicologico", ha poi aggiunto.

Una maggiore percentuale di uomini (il 18,6 per cento) rispetto alle donne (7,4 per cento) ha riferito di avere avuto almeno un rapporto occasionale nel mese precedente. Tuttavia, i ricercatori hanno spiegato che il sesso degli intervistati (uomini o donne) non ha avuto impatto sui risultati. Lo studio, quindi, ha rilevato che solo l'11 per cento dei partecipanti ha dichiarato di aver avuto sesso occasionale nei 30 giorni precedenti.

"Voglio sottolineare che questo studio è correlazionale", ha commentato la Bersamin. "Può essere che le persone depresse o ansiose siano più propense a cercare rapporti sessuali occasionali e non che il sesso occasionale sia la causa di depressione o ansia".

Lo studio, intitolato "Risky Business: C'è un'associazione tra sesso casuale e salute mentale tra gli adulti emergenti" è stato pubblicato su The Journal of Sex Research.

Federica Vitale

Leggi anche:

- Sesso: le donne sposate lo fanno meglio

Pin It