Chi guarda i reality è più abbronzato

Diario di un chirurgo - Real Time

Che i media potessero influenzare il nostro comportamento si sapeva già da tempo, ma ora arriva un'ulteriore conferma da un curioso studio pubblicato sul Journal of the American Academy of Dermatology, secondo il quale chi segue assiduamente i reality show sulla bellezza è due volte più abbronzato di chi non li guarda.

Ciò significa che questi programmi promuovono cattive abitudini, come quella di esporsi troppo al sole e senza protezioni, che aumenta il rischio di tumore alla pelle, soprattutto nei più giovani.

L'indagine è stata condotta su un campione di 576 studenti universitari di età media di 20 anni, i quali sono stati intervistati sulle loro abitudini televisive. Dai risultati è emerso che il 61% di loro guarda i reality sulla bellezza: tra questi, il 13% ha dichiarato di aver usato lampade abbronzanti nell'ultimo anno e il 43% di aver trascorso più di due ore per volta ad abbronzarsi all'aperto, contro il 4% e il 29% rispettivamente di chi non li guarda.

"I reality show in tv non si rendono conto - spiega Joshua Fogel, uno degli autori dello studio - che promuovono un messaggio per cui sono attraenti tutte le persone abbronzate".

Inoltre, lo studio ha rilevato che le donne usano le lampade 10 volte in più degli uomini.

"È chiaro che chi guarda questi programmi - conclude Fogel - vede questi comportamenti come positivi. È possibile che i programmi incoraggino direttamente gli spettatori ad abbronzarsi, perché così sono più attraenti e belli".

La ricerca è una chiara conferma dell'importanza dell'apparire nella società attuale, ma anche se i media promuovono il culto della bellezza estetica, non dovremmo forse essere noi a non farci influenzare?

Silvia Bianchi

LEGGI ANCHE:

TUMORI DELLA PELLE: CASI IN AUMENTO MA SEMPRE PIÙ CURABILI GRAZIE ALLA DIAGNOSI PRECOCE