Puzzle: i bimbi che ci giocano, da grandi saranno più bravi in matematica

bambini puzzle matematica

Perdere le ore davanti alle tessere di un puzzle non solo regala ai nostri bimbi enorme gioia e soddisfazione quando, incastrando un pezzo nell'altro, un nuovo mondo prende forma davanti ai loro occhi, ma li aiuta anche a sviluppare una mente matematica.

È quanto sostiene uno studio dell'Università di Chicago e del New York City Department of Education, pubblicato su Developement Science: l'incoraggiamento verso le discipline di tipo STEM (acronimo di science, technology, engineering and mathematics, cioè scienza, tecnica, ingegneria e matematica) deve partire fin da piccoli e fare puzzle migliora le capacità di correlazione logica. E i puzzle sono il modo migliore per svezzare la loro mente, sin da piccolissimi, soprattutto tra i 2 e i 4 anni.

Secondo i ricercatori, che hanno analizzato 53 coppie genitori-figli di diversa estrazione socio-economica durante sessioni di 90 minuti ogni quattro mesi, i bimbi che giocano molto con i puzzle dai 24 mesi fino al compimento del terzo anno di età si sanno muovere nello spazio meglio dei coetanei. E dopo due anni mostravano passione per la scienza e la scoperta, molto di più rispetto ai bambini che non usano le tessere da incastrare. Anche nell'interazione con i genitori i bambini abituati a fare puzzle dimostrano una maggiore partecipazione. Ma, soprattutto, otterranno voti più alti in matematica e in scienze quando andranno a scuola.

Ma dallo studio è emersa anche una diversa attitudine mentale fra maschietti, che tendono a fare puzzle più complessi, e femminucce. Una diversa attitudine può dipendere più che altro dai genitori, che dai rilevamenti filmati delle prove tendevano a fornire suggerimenti in cui sono usati più spesso termini geometrici ai maschi, mentre alle bambine chiedevano piuttosto "dove mettiamo il cappellino della principessa?".

Roberta Ragni

 

Pin It