Grande Fratello 12: sempre più in basso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La dodicesima edizione del Grande Fratello fatica a raggiungere i risultati sperati. Il pubblico sembra avere davvero perso interesse per il consueto microcosmo di vicende quotidiane a cui è possibile assistere in ogni momento del giorno e della notte, quasi spiando dal buco della serratura.

Le liti, il linguaggio scurrile, le battute di bassa lega ed il comportamento incivile di gran parte dei protagonisti contribuiscono puntata dopo puntata alla creazione di una pessima reputazione per la trasmissione, la cui nuova edizione può essere senza alcun dubbio considerata la peggiore di sempre.

Sono ormai lontani anni luce i tempi in cui si dibatteva, quasi con reverenza, riguardo al timore di trascorrere cento giorni sotto il costante controllo del Big Brother e del pubblico da casa, privi della possibilità di ricevere notizie su ciò che accadeva nel mondo esterno.

Ora il Grande Fratello non è altro che un trampolino di lancio, nemmeno troppo efficace, verso una fama effimera, per la quale si lotta a colpi di risse, accuse, ingiurie, sotterfugi ed imprecazioni, con il rischio di essere espulsi dalla casa prima del tempo.

Il fondo, dopo l’abbandono isterico da parte di Rudolf, pare essere ormai stato toccato. Quali stratagemmi escogiteranno ora gli autori per risollevare le sorti del reality? L’atmosfera attorno alla casa di Cinecittà appare ormai satura, priva di spazi per le novità. Nemmeno il bacio saffico delle ultime ore sembra avere suscitato lo scalpore che molti si sarebbero attesi.

Marta Albè

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.