Allattamento, il pupo sente l’odore della mamma e succhia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Odore di latte di mamma nei paraggi, bebè che succhia. È così che funziona l’allattamento, vero e proprio istinto di sopravvivenza dei pupi.

Da dove nasce questo impulso? Secondo una ricerca promossa dal Wellcome Trust Sanger Institute coordinata da Darren Logan e pubblicata su Current Biology, appena nato, il piccolo è subito esposto al liquido amniotico della propria mamma e reagisce a questo odore, iniziando a nutrirsi già per sopravvivere.

A dispetto di quello che si è pensato sinora, e cioè che i feromoni – sostanze chimiche che attivano un comportamento innato – influenzino la risposta del neonato spingendolo a cercare la tetta, questa nuova ricerca sostiene che si impari a riconoscere l’odore prima che sopraggiunga il comportamento. “Abbiamo trovato un meccanismo completamente diverso“, ha spiegato Darren Logan, autore principale dello studio. “Abbiamo dimostrato per la prima volta che l’allattamento (…) è una risposta appresa, fondata sul riconoscimento di un mix di odori: il profumo unico della madre“.

LEGGI ANCHE: ALLATTAMENTO AL SENO, 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE DI ALLATTARE AL SENO

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.