Bambini, niente energy drink. Ecco le 8 regole del saper bere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Energy drink ai bambini? Neanche a parlarne. Il loro alto contenuto di caffeina è per loro poco salutare.

È il monito lanciato dai pediatri al VI Congresso nazionale della Federazione italiana medici pediatri (Fimp) in programma a Genova fino al 29 settembre.

Qual è allora la giusta idratazione da garantire ai nostri figli? I pediatri presenteranno un manifesto con le “8 Regole del saper bere“. Eccole:

1. IDRATAZIONE: i bambini devono assumere ogni giorno una giusta quantità di liquidi che permetta di ottenere e mantenere un ottimale livello di idratazione

2. ACQUA: l’acqua è l’alimento ideale per l’idratazione del bambino

3. ALTRE BEVANDE: succhi di frutta, bevande zuccherate o latte possono concorrere all’idratazione del bambino veicolando nel contempo nutrienti a contenuto calorico, che in ogni caso devono armonizzarsi con le altre calorie e gli i nutrienti assunti con il cibo nel corso della giornata per evitare eccessi e/o difetti nell’equilibrio nutrizionale giornaliero

4. ETICHETTE: leggere sempre l’etichetta, che riporta la composizione e il contenuto calorico della bevanda

5. CONSUMO MODERATO: Proibire al bambino il consumo di tutte le bevande analcoliche diverse dall’acqua non è giustificato. Necessario invece educare con pazienza alla scelta delle bevande più indicate e ad un consumo moderato

6. SOVRAPPESO: oggi i bambini si muovono poco e spesso sono sovrappeso. Anche il consumo delle bevande, quindi, deve essere proporzionato ai reali fabbisogni del bambino, legati al suo dispendio energetico

7. DOLCIFICANTI: l’assunzione di bevande contenenti dolcificanti (edulcoranti) ha una motivazione specifica nel bambino con diabete e, in casi selezionati, come coadiuvante nel trattamento dell’obesità

8. ENERGY DRINK: gli “Energy Drink” non sono raccomandati per i bambini per il loro elevato contenuto in caffeina.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.