Gravidanza: l'emicrania può indicare un distacco della placenta

immagine

Mal di testa: abbiamo visto come, nelle sue varie forme di manifestazione, possa avere un potere altamente invalidante e compromettere il normale svolgimento delle attività quotidiane.

Nel caso delle donne incinte, tra i possibili rischi determinati dal sopraggiungere di un mal di testa vi è quello del distacco della placenta. È quanto documentato da uno studio svolto presso l’Università di San Martin in Perù.

I ricercatori hanno preso in esame 743 donne delle quali sono state valutate le condizioni di salute prima e dopo la gravidanza per verificare l’esistenza o meno di una correlazione tra emicrania e distacco della placenta. Tra le donne sottoposte allo studio, 375 avevano avuto un distacco della placenta, mentre le altre 368 non avevano manifestato alcun disturbo.

Il passo successivo è stato verificare a quante di esse fosse stata diagnosticata una forma di mal di testa durante la gestazione. I ricercatori hanno potuto evidenziare che, nel caso di emicrania, il rischio del distacco della placenta aumentava di 2,14 volte: in particolare le possibilità di distacco erano 2,11 nel caso di emicrania con aura e 1,59 nell’emicrania senza aura.

Uno studio che, come precisano gli autori stessi, necessita di ulteriori approfondimenti per valutare con maggiore esattezza le correlazioni tra mal di testa e complicanze durante la gravidanza. È importante tuttavia ricordare che tra gli altri fattori di rischio, che accrescono le probabilità di un distacco della placenta, troviamo l’abuso di alcol, il fumo, problemi di ipertensione, trombofilia o un’età della donna troppo avanzata.

Francesca Di Giorgio