Dieta: 10 miti da sfatare

immagine

Quando ci mettiamo a dieta veniamo spesso tartassati da svariati consigli di amici e parenti che, travestiti da esperti della nutrizione, vi propinano consigli basati su luoghi comuni che si potrebbero rivelare molto dannosi. Chi vi assicura che la sua dritta funziona dato che l'ha provato sulla propria pelle non si rende conto che la sua pelle è diversa dalla vostra.

Una dieta diventa efficace quando è adatta al vostro metabolismo, alle vostre abitudini di vita, insomma a voi. Per questo è importantissimo rivolgersi sempre ad un dietologo quando si decide di affrontare la lunga e tortuosa via verso la forma perfetta. Per cominciare il vostro percorso nel modo più corretto possibile ecco qui 10 luoghi comuni a cui non credere assolutamente. Avere la risposta pronta per il collega che vi propina una falsa verità sulla dieta non ha prezzo. Per tutto il resto c'è… il dietologo!

1. Cerca di cenare prima delle 20.00 e non concederti spuntini dopo quell'ora, altrimenti si trasforma tutto in ciccia.

Non è vero. O meglio. Il nostro organismo non si regola in base all'orario della giornata. C'è chi alle 20.00 comincia la parte più dispendiosa (a livello di calorie) della giornata, andando per esempio in palestra o a fare una corsetta o un corso di danza serale, c'è chi sta sveglio fino a tarda notte e ha tutto il tempo di bruciare le calorie accumulate, c'è chi passa la serata in discoteca e fa più esercizio fisico che andando in palestra! Insomma non c'è un orario in cui l'organismo chiude i battenti. L'importante è trovare il giusto equilibrio fra le calorie accumulate e quelle utilizzate per le attività della nostra giornata. Anziché darsi orari precisi e scadenze per i pasti sarebbe più utile "diluire" i tre tipici pasti principali (colazione, pranzo e cena) portandoli a 5. Aggiungendo un paio di spuntini al giorno diminuirà la fame a pranzo e a cena e di conseguenza la tentazione di mangiare più del dovuto.

2. Esistono le calorie buone, che vengono bruciate tranquillamente e calorie cattive, che si trovano per esempio negli agrumi e nel sedano, che non vengono "digerite".
Si tratta di un falso luogo comune. Tutti gli alimenti vengono digeriti (anche quelli più "ardui" come cipolle, peperoni, ecc.). La parte che non viene digerita (generalmente circa il 2% dell'alimento) viene eliminata attraverso le feci.

3. Quando sei a dieta bevi solo acqua, le bevande apportano fin troppe calorie!
In parte è vero. Ci sono alcune bevande che, pur essendo magari a base di frutta e apparentemente salutari, sono invece molto caloriche e piene di conservanti ed elementi che con la frutta poco hanno a che fare. Ma in realtà non bisogna generalizzare: basta fare un pò di attenzione a quello che si beve, controllando sempre prima l'etichetta (anche delle bevande cosiddette "light") ed evitare assolutamente di aggiungere zucchero a tè, caffè, tisane, ecc. Una bevanda gustosa e dissetante aiuta anzi a "sopportare" più facilmente una giornata di dieta. E attenzione a non eliminare il latte!

4. La sera concediti pure un buon dolce ma salta il pasto per compensare.
Brutto consiglio. I dolci possono saziare ma non contengono tutti gli elementi nutritivi di cui ha bisogno il nostro organismo. Durante una dieta è importante concedersi qualche piccola trasgressione per tenere sotto controllo quelle voglie improvvise che a volte sono in grado di rovinare il duro lavoro di intere settimane. Ma il dolce deve rimanere solo un piccolo momento di estasi da regalarsi, ogni tanto, per congratularsi con se stessi. Ma questo non deve assolutamente diventare un'abitudine: dolci e cibi grassi danno dipendenza, meglio che siano un'eccezione e non una regola.

5. Se il tuo bimbo è in sovrappeso mettilo subito a dieta stretta
I bambini non vanno assolutamente messi a dieta, almeno non come noi, perché sono in crescita. Se un bambino è sovrappeso bisogna rivolgersi ad un professionista di alimentazione infantile ed evitargli bruschi cambiamenti di peso. Meglio un pò di sport di una dieta ipocalorica.

6. Bevi pure le bibite light, contengono zero calorie e sono pure buone!
È vero che alcune delle cosidette "bevande light" o ipocaloriche non contengono calorie nè zuccheri. Ma il gusto dolciastro vi indurrà più facilmente a cedere alla voglia di dolci, e questo certo non aiuta durante una dieta.

7. In inverno puoi mangiare di più perché bruci più facilmente.
Si pensa che in inverno si tenda a perdere più peso perché il metabolismo lavora di più per proteggersi dal freddo. È vero, ma se pensate a tutte le ore che passiamo in ufficio, in macchina e a casa con il riscaldamento "a palla" vi renderete conto che il tempo che passiamo al freddo e al gelo è ben poco, e sicuramente insufficiente ad attivare il nostro metabolismo.

8. Se la dieta non ha funzionato lasciati andare a mangiate pazze, ormai.
Sbagliato: l'alimentazione dev'essere sempre regolare perché l'effetto yo-yo danneggia gravemente il metabolismo. Se non siete riusciti a perdere peso dopo un tentativo di dieta, passate un periodo di pausa adottando una dieta di mantenimento che vi aiuti, se non a dimagrire, almeno a mantenere il vostro peso attuale. Riprese le forze e la voglia di ricominciare, rivolgetevi ad un dietologo e iniziate a lavorare sul vostro peso forma.

9. La carne rossa fa male e fa ingrassare.
La carne rossa soddisfa alcune necessità nutrizionali fondamentali apportando oltre che proteine, anche ferro, carnitina, vitamina B, importanti minerali, e aminoacidi essenziali. Preferendo i tagli magri, la carne rossa andrebbe consumata una volta alla settimana.
La carne bianca (congilio, pollo, tacchino), ricca di proteine nobili, aminoacidi ramificati e ferro, si può consumare anche un paio di volte a settimana.

10. Il dietologo non serve, ci sono tante diete fantastiche sul web.
Vietate le diete fai-da-te! Se volete solo informarvi su quali alimenti ipercalorici evitare per mantenervi in forma va benissimo anche un buon libro o una ricerca su internet. Ma se il vostro intento è quello di perdere peso (insomma più di quei 2 kg delle feste natalizie) è assolutamente necessario rivolgersi ad uno specialista, che oltre a consigliarvi la dieta adatta al vostro organismo e alla vostra costituzione, potrà crearvi un menu settimanale che vi soddisfi anche il palato (cosa fondamentale se non si vuole abbandonare schifati la dieta dopo il primo pranzo a base di quella verdura che tanto odiate), e vi darà anche un importante sostegno psicologico.

Ultimo consiglio: non dimenticate mai che il metodo migliore per perdere peso è fare sport!

Simona Redana