Danimarca la "Fat tax", ovvero la tassa sui cibi grassi

immagine

Paese che vai…grassi che trovi. Così in Danimarca, Paese idilliaco in cui tutto sembra sempre funzionare al meglio, si corre ai ripari: dal 1° Ottobre entrerà in vigore per la prima volta al mondo una "fat tax", letteralmente una tassa sui "grassi", che verrà applicata a tutti i prodotti ad alto contenuto di grassi saturi.

Su tutti i cibi, ovviamente i più colpiti saranno i junk food, ma nella lista nera ci sono anche prodotti caseari e olio d'oliva.

Nonostante meno del 10% dell'intera popolazione nazionale risulti essere clinicamente obesa, cifra ben al di sotto della media europea, la corona danese ha a cuore la salute del proprio popolo e ha deciso di tutelarla.

L'imposta per i cibi con oltre il 2,3% di grassi saturi è pari a 16 corone danesi (2,15 euro) al chilogrammo di nutriente. Il che significa che i danesi pagano da qualche giorno il 30% in più per una confezione di burro da 250g, l'8% in più per un sacchetto di patatine, 7,1% in più per un litro d'olio d'oliva. Così saranno più sani, più magri e più belli.

Ma, allo stesso tempo, le casse dello Stato saranno più piene: la "fat tax", tradotta in soldoni, significa un'entrata annuale di non meno di 200 milioni di euro. Sorge spontaneo allora chiedersi se questa trovata sia davvero un modo per scoraggiare i danesi dall'acquisto di cibi grassi, o piuttosto un modo per "fare cassa". E la scelta danese, peraltro giunta dopo l'annuncio della cosiddetta "tassa sulla Coca Cola" della Francia, che ha deciso di aumentare dal 2012 la tassazione sulle bevande zuccherate, e dopo la "tassa anti-obesità" dell'Ungheria applicata ai cibi confezionati ad alto contenuto di sale, di zuccheri o carboidrati, Probabilmente, non può che accendere il dibattito su questo tipo di misure.

Certo è che i danni dell'obesità sono evidenti e i numeri appaiono davvero spaventosi. Le malattie collegate direttamente all'obesità, ad esempio, sono responsabili di ben il 7% dei costi sanitari dell'Unione Europea, poiché l'aumento di peso è un importante fattore di rischio per malattie cardiocircolatorie, diabete, ipertensione e infarto.

Quanto alla nostra patria, secondo gli ultimi dati diffusi dalla Società Italiana dell'Obesità, gli obesi sono 5 milioni, a cui si aggiungono almeno 20 milioni di italiani in sovrappeso. Di questi, oltre 800mila sono affetti da obesità grave, mentre le spese socio-sanitarie sono stimate in circa 23 miliardi di euro annui.

"La radicata cultura alimentare fondata sulla dieta mediterranea - afferma la Coldiretti in una nota - non ha salvato i giovani italiani, come confermano i dati preoccupanti sull'aumento dei casi di obesità o soprappeso, dovuti a una non corretta alimentazione, che riguardano il 36% dei ragazzi attorno ai dieci anni, il valore più alto tra i Paesi europei secondo una indagine Merrill Lynch".  Così, ipotizza la Coldiretti, "la tassa sul cibo spazzatura ricco di grassi saturi dovrebbe essere utilizzata per sostenere il consumo di frutta e degli altri alimenti della dieta mediterranea in un Paese come l'Italia dove un terzo dei ragazzi italiani è obeso o in sovrappeso".

Il problema dell'obesità esiste, nessuno lo nega, ed ogni mezzo è lecito per risolverlo. Purché sia efficace e di spirito "puro". Allora, non sarebbe forse meglio in primis educare la popolazione a una corretta alimentazione, piuttosto che svuotarne i portafogli? Oppure, seguendo il monito della Coldiretti, sostenere il consumo di frutta e degli altri alimenti della dieta mediterranea ?

Roberta Ragni