Bagnun di acciughe

acciugheSulla magnifica costa ligure, tra Genova e La Spezia si trova Riva Trigoso, deliziosa frazione marina di Sestri Levante. Si tratta di un caratteristico e antico borgo di pescatori dove, nel terzo fine settimana di luglio, si svolge, da più di quarant'anni, un rito immancabile: la bella e buona sagra del Bagnun. Ma cosa è il Bagnun vi starete chiedendo. Il Bagnun è un piatto tipico della marineria ligure, che era molto diffuso sui pescherecci e sui leudi, nato nell'Ottocento e considerato povero perché, in pratica, si tratta di una densa zuppa a base di acciughe, pomodoro, pane e olio.

Gli ingredienti utilizzati, tutti appartenenti alla ricca varietà offerta dalla dieta mediterranea, lo rendono un ottimo piatto dal punto di vista nutrizionale: le acciughe con i loro omega 3, l’olio di oliva, i pomodori con il loro licopene, insomma un vero piatto della salute.

Cosa serve (per due persone)

500 gr. di acciughe (alici) fresche

Mezza cipolla

Uno spicchio d’aglio

350 gr. di polpa di pomodoro

Olio extra vergine di oliva

Gallette di pane (oppure pane secco o tostato)

Mezzo bicchiere di vino bianco

Sale q.b.

immagine

Come si fa

Dopo aver fatto la spesa, magari in un farmer market o un bel mercatino dove trovare i prodotti freschi e genuini, inizia la fase un po’ seccante della preparazione di questa saporita ricetta, cioè bisogna pulire le acciughe eliminando testa e lisca, sciacquarle e metterle da parte. Tritate le cipolle, versate due o tre cucchiai d’olio in una piccola padella e fate imbiondire l’aglio, poi eliminatelo. Versate le cipolle e fatele imbiondire; aggiungete quindi le acciughe pulite e la polpa di pomodoro e un pizzico di sale e successivamente versate un bicchiere di vino bianco. Cuocete il tutto per 5 o 6 minuti a fuoco moderato. Nel frattempo spezzate le gallette di pane (oppure tostate del pane secco, e provate la variante con crostini integrali) e sistematele al centro di due piatti. Quando la zuppa di acciughe è cotta versatela ben calda sulle gallette.

Impreziosite il pasto bevendo un fresco Vermentino ligure (per esempio Colli di Luni) e… buon appetito!

Lazzaro Langellotti