I cibi della salute: come curarsi con gli alimenti

immagine

Tenere sotto controllo colesterolo cattivo, trigliceridi, chili in eccesso, eliminare inestetismi come la cellulite: è possibile farlo in modo naturale, a partire da quando siamo seduti a tavola?


Sì: già vi avevamo parlato degli alimenti brucia grassi, ora prendiamo in considerazione alcuni cibi che, assunti da soli o in combinazione tra loro, aiutano a star bene e rimanere in forma.


Partiamo alla scoperta dei cibi della salute iniziando dalla frutta.

- Ananas. Pur non potendo compiere miracoli nel bruciare le calorie, come già sappiamo, agevola la digestione delle proteine grazie ad un enzima, la bromelina. È inoltre ricco di fibre che favoriscono il transito intestinale e regalano un senso di sazietà: per questo mangiare prima dei pasti l’ananas, che contiene 40kcal/100g, è un valido espediente per controllarsi poi a tavola. La sua polpa contiene vitamine, soprattutto A e C, acido folico, potassio, calcio, fosforo, sodio, ferro ed è un prezioso alleato contro la cellulite, in quanto stimola la diuresi ed aiuta quindi a combattere la ritenzione idrica.


- Albicocca. è il frutto estivo per eccellenza, particolarmente dolce, fornisce se fresca un ridotto apporto calorico, pari a 28 kcal/100g. Influisce maggiormente sul bilancio delle calorie se consumata sciroppata (89 kcal/100g), secca e cotta (130 kcal/100g), sciroppata (188 kcal/100g). L’albicocca è il frutto che assicura la maggiore quantità di betacarotene, ed aiuta quindi ad ottenere una bella abbronzatura; è inoltre fonte di vitamine B1, B2, B3, B6, C, E, fosforo, potassio, magnesio, calcio, acido folico. Se consumata fresca e lontano dai pasti favorisce la diuresi e combatte cellulite e gonfiore addominale.


- Banana. Con le sue 66kcal/100g, è un frutto ricco di sali minerali, in particolare potassio, 350mg/100g, ma anche ferro, fosforo, magnesio, zolfo, calcio, vitamine A e C, tannini, triptofano (aminoacido che viene trasformato in serotonina), serotonina. Proprio per la presenza di questo ormone, noto per la sua azione nel regolare l’umore ed i ritmi sonno–veglia, è un ottimo alleato nei momenti di particolare tensione, perché garantisce maggiore positività e contribuisce al rilassamento.


Dalla frutta facciamo un salto indietro in un ideale pasto e passiamo ora ad alcune combinazioni di alimenti che, grazie all’azione combinata dei loro componenti, aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo “cattivo” ed i trigliceridi.

- Pomodori con olio extravergine di oliva. Quando nelle calde giornate estive viene voglia di un bel piatto di pasta, cosa c’è di meglio di un condimento fresco ed anche di rapida preparazione, come una salsa di pomodoro condita a crudo con olio extravergine di oliva? Questo gustoso piatto, ancor meglio se preparato con pasta intergale, consente di ridurre il colesterolo nel sangue, i trigliceridi ed i rischi di malattie degenerative, grazie alla combinazione di licopene (carotenoide contenuto nei pomodori, nel melone e nel pompelmo rosa) e vitamina E (contenuta nei cereali integrali e nell’olio di oliva)


- Funghi champignon e germogli di broccoli. Si tratta di una combinazione di alimenti perfetta contro il colesterolo e le malattie degenerative: grazie alla presenza del sulforano (contenuto in broccoli e cavolini di Bruxelles) e del selenio (che si trova in funghi, frutta oleosa, cereali integrali). Un mix gustoso per un bel contorno da saltare in padella e accompagnare al pesce o alla carne magra.


- Aglio. È vero, mangiarlo, specialmente se crudo, richiede una buona dose di coraggio, o almeno l’indifferenza nei confronti delle espressioni di chi ci avvicina, che inizia con lo storcere il naso, per proseguire poi con l’allontanarsi progressivamente da noi. Eppure, soprattutto se consumato crudo, l’aglio rende stabile la glicemia e contribuisce ad attivare il metabolismo, riducendo l’assorbimento dei grassi. Contiene un olio essenziale, vitamine A, B1, B2, B6, B12, C, D, H, aminoacidi, enzimi, allicina (che ha proprietà antibatteriche) selenio e germanio, che rafforza il sistema immunitario. Se amate i sapori forti, ma soprattutto se non dovete baciare nessuno, l’aglio è un alleato della salute.


È importante conoscere le proprietà di ciò che mettiamo in tavola, per imparare ad alimentarci facendo del bene al nostro organismo; volgere uno sguardo al passato, quando la natura era la prima fonte di rimedi per i vari malesseri fisici, ci aiuta a riscoprire il piacere di mangiare per sentirci in forma, nella consapevolezza che il cibo può anche essere una cura.

Francesca Di Giorgio