Diabete: ecco come prevenirlo con le verdure a foglia verde

prevenire diabete verdure foglia verde

Sono una fonte naturale di fibre, aiutano nelle diete per la perdita di peso per il loro potere saziante e la loro capacità di favorire il transito dei cibi ingeriti.

Avete bisogno di un altro motivo per introdurre nella vostra alimentazione verdure a foglia verde? Subito accontentati: secondo un recente studio, mangiarle aiuta a prevenire il diabete. In una ricerca pubblicata sul British Medical Journal è stato analizzato il rapporto tra il consumo di verdure a foglia verde come spinaci, erbette, insalata, verza ed il diabete di tipo 2.

È stato possibile riscontrare che chi ne mangiava una porzione da 150 grammi al giorno, aveva un rischio di ammalarsi di diabete del 14% inferiore rispetto a chi ne assumeva una quantità molto ridotta come 20 grammi al giorno. Qual è la ragione di questa benefica proprietà delle verdure a foglia verde? Il merito è del loro elevato contenuto di antiossidanti che, come è noto, contrastano l’insorgenza di radicali liberi, la cui proliferazione, invece, è agevolata dall’iperglicemia diabetica. Sono proprio i radicali liberi ad interferire con i vasi sanguigni danneggiandoli e provocando poi le complicanze cardiovascolari che spesso si registrano con il diabete. Attenzione, però, a come le cuocete: se, per esempio, spinaci e bietole con la bollitura perdono rispettivamente il 44 e il 57% degli antiossidanti, con la pentola a pressione ne perdono il 24 e il 10%, mentre con la cottura nel microonde gli spinaci perdono il 14% degli antiossidanti e le bietole il 9%.

Influisce sulle proprietà benefiche delle verdure a foglia verde anche il magnesio, cui si deve la loro colorazione. Secondo la dottoressa Emanuela Orsi, responsabile del Servizio di Diabetologia della Fondazione Policlinico di Milano “Il magnesio può influenzare il rilascio e l’attività dell’insulina, ormone che aiuta a controllare il glucosio nel sangue. Altri studi dovranno confermare il ruolo protettivo delle verdure a foglia verde nei confronti del diabete. Intanto, l’obiettivo resta quello delle cinque porzioni giornaliere di frutta e verdura, fra le quali vanno incluse quelle a foglie verdi, che sono anche buone fonti di potassio, fibra, luteina e zeaxantina, due carotenoidi coinvolti nella protezione dell’occhio. Frutta e verdura andrebbero comunque accompagnate dall’attività fisica”.

Con la bella stagione il consumo di verdura è agevolato anche da una richiesta naturale dell’organismo, che necessita di alimenti freschi e dissetanti, ma anche in grado di appagare il gusto. Il limite alla modalità di preparazione è dato solo dalla vostra fantasia, purché un piatto green non manchi mai sulla vostra tavola!

Francesca Di Giorgio