Cosa dobbiamo sapere sulle vitamine

immagine

Ce lo dicono fin da piccolissimi: abbiamo un disperato bisogno di vitamine. Ci ha fatto una testa così la nonna, quando ci propinava la sua spremuta d’arancia al mattino.

Adesso che siamo adulti, il ruolo della nonna è ricoperto dai pubblicitari, che ci ricordano ogni mattina, ogni pomeriggio e ogni sera che l’apporto di vitamine è essenziale “per affrontare le sfide quotidiane” (che nell’immaginario del marketing sono: salire e scendere dalla metro, scongiurare il raffreddore, andare a cena con la suocera etc.).

E giù a comprare integratori. Ma, cari lettori, siamo sicuri che stiamo spendendo al meglio i nostri soldi, acquistando le vitamine che più ci sono necessarie? Perciò, onde evitare di rimpinguare senza beneficio le casse del vostro farmacista di fiducia, eccovi qualche consiglio spassionato.

Prima di tutto fatevi un autoesame alimentare: come mangiate, cosa e in che quantità? Se ci date dentro con frutta e verdura, probabilmente non avrete bisogno di altri apporti di vitamine. Ricordatevi, inoltre, che è sempre meglio assumere vitamine attraverso gli alimenti, perché l’assorbimento avviene nella maniera ottimale.

Se siete donne, inoltre, avrete più bisogno di omega3, calcio (specie in menopausa) e vitamina D. Vi aiuteranno a combattere il cancro, l’osteoporosi e il malumore. Perciò non eliminate dalle vostre diete il pesce e il formaggio e, per la vitamina D, che è abbastanza scarsa, sforzatevi di mangiare più uova, più pesce grasso (salmone o aringhe, ma il massimo è l’olio di fegato di merluzzo) e più fegato animale.

E se siete vegetariani? In questo caso potreste avere carenza di ferro o di vitamina B12, più di quanto se ne trovino nei comuni integratori. Parlatene col medico di fiducia e controllate i livelli della ferritina, specialmente se vi sentite abbastanza “mosci”. Non correte ai ripari da soli, perché anche assumere troppo ferro fa male. Cercate, poi, di ridurre il consumo di the e caffè, che ostacolano l’assorbimento del ferro.

Per finire, non abbiate paura degli integratori: non potranno mai farvi andare in “overdose vitaminica”, perché contengono una quantità “di sicurezza”, sempre di gran lunga inferiore ai livelli massimi raggiungibili. Quindi, a meno che non ingeriate 10 confezioni per volta, siete al sicuro! Evitate, inoltre, di assumerli a stomaco vuoto, o avrete una leggera sensazione di nausea.

Marina Piconese