Malattie cardiovascolari? Il latte riduce il rischio

immagine

Tre bicchieri di latte al giorno tolgono il medico di torno. Anzi il cardiologo, perché tra le tante funzioni del “bianco nettare” c’è anche quella di prevenzione delle malattie cardiovascolari.

A rivelarlo è una ricerca dell’Università di Wageningen in collaborazione con l’Università di Harvard, diretta dalla dottoressa Cindy Schweitzer e pubblicata sul britannico Daily Mail.

I ricercatori hanno esaminato i dati provenienti da 17 analisi scientifiche, svolte precedentemente in Europa, Stati Uniti e Giappone, scoprendo così il ruolo fondamentale del latte nel ridurre i disturbi cardiovascolari. Una riduzione che si aggira intorno al 18%.

E il merito sarebbe tutto – come spiega la dottoressa Schweitzer – delle sostanze nutrienti presenti in natura come il calcio, il potassio e le proteine.

Un risultato importante questo, soprattutto perché le patologie a carico del sistema circolatorio sono molto pericolose, in particolar modo per le donne, e rappresentano la prima causa di morte al mondo (50% del totale dei paesi sviluppati).

Fra le malattie cardiache più diffuse troviamo l’Angina stabile acuta e l’Infarto miocardio acuto.

Quindi, non esitate. Accompagnate ad una corretta alimentazione tanto esercizio fisico e tre bicchieri di latte al giorno e il vostro cuore rimarrà in forma.

Fabrizio Giona