Ipertensione: una legge per ridurre il sale negli alimenti

meno sale piu salute regole utili

Come ridurre il rischio ipertensione? Lo sappiamo da sempre, diminuire le quantità di sale negli alimenti. Da ciò nasce l'idea di alcuni studiosi dell'University of Queensland.

Secondo i ricercatori, infatti, ridurre il sale nei prodotti confezionati eliminerebbe il 20% delle malattie cardiovascolari.
La ricerca, pubblicata sulla rivista Heart e guidata da Linda Cobiac, ha preso in esame le diverse possibilità di ridurre il sale, in varie maniere e, in un'ultima analisi, è stato notato come basterebbe davvero poco per non incorrere nelle comuni malattie cardiache e circolatorie.
È noto, infatti, che consumare una quantità di sale maggiore alla razione giornaliera raccomandata, ossia 6 grammi per un soggetto adulto, a lungo andare ha delle conseguenze serie. Basti pensare che in Italia sono 240 mila i morti ogni anno a causa dei problemi legati alla pressione alta. Di essi, il 47% riguarda cardiopatie ischemiche e il 54% gli ictus cerebrali, con 7,5 milioni di morti premature.
Per far fronte a questa situazione, basterebbe limitare l'uso di sale nei prodotti confezionati, attraverso un'apposita legge. Molti paesi hanno già stabilito dei limiti, segnalati su apposite etichette molto simili a quelle che si trovano sui pacchetti di sigarette.
Un’iniziativa questa che si farebbe bene a prendere d’esempio.

Francesca Mancuso