Dopo un digiuno bisogna iniziare con frutta e verdura

digiuno frutta verdura

Siete a digiuno da quasi un'intera giornata ed ora, che non ci vedete più dalla fame, la vostra fantasia vola e già vi immaginate ad addentare un tenero hamburger sommerso da un mare di patatine fritte o qualche altra portata iper-calorica di questo genere?

E se vi proponessimo di tenere a freno l'istinto ed optare invece per una salutare porzione di frutta e verdura? Ci state odiando, vero? Eppure, per quanto in contro-tendenza, sarebbe la scelta più appropriata.

Uno studio compiuto presso il Cornell Food and Brand Lab, Stati Uniti, e pubblicato su "Archives of Internal Medicine"evidenzia come in persone che hanno affrontato un lungo digiuno il desiderio di alimenti a base di carboidrati e proteine sia prevalente. Ben il 75% degli individui ai quali è stato chiesto di digiunare per 18 ore ha infatti scelto carne e farinacei al posto di frutta e verdura.

La percentuale si è ridotta al 44% nei soggetti non sottoposti a lunga privazione di cibo. Il capo del team di ricerca ha spiegato che anche un digiuno relativamente breve, spesso scelto per motivazioni religiose o mediche, o legate alla mancanza di tempo, può determinare evidenti cambiamenti nella scelta del cibo, orientando la nostra predilezione verso alimenti molto calorici, a base di carboidrati e proteine.

Una scelta che inevitabilmente poi, avrà il suo peso, come la bilancia non mancherà di far notare. Per questo, sostiene il dottor Wansik, "Chi si trova a digiunare molto spesso per abitudine dovrebbe iniziare proprio con cibi a basso contenuto calorico come frutta e verdura per evitare di abusare di carne e farinacei".

Un consiglio che merita di essere seguito, no? Anche perché poi, placato il senso di fame, riuscirete a gustare un assaggio di patatine fritte, senza eccesso di sensi di colpa per averne divorate tre porzioni!

Francesca Di Giorgio