No alle diete fai-da-te. I consigli dell'Andid

immagine

Il successo della dieta pre-matrimoniale di Kate Middleton, che si è affidata al regime alimentare iperproteico del francese Pierre Dukan attirandosi le critiche di molti esperti, è stata solo il preludio della febbre da dieta che ogni anno colpisce tutti, ora la prova costume inizia a far paura…

Su Internet se ne trovano di tutti i tipi, ma gli esperti tuonano categorici: no alle diete online, a quelle più o meno famose suggerite da chi non ha competenze e a quelle che promettono di perdere tanti chili in pochissimo tempo. "Quasi tutte trappole". A dirlo sono i dietisti dell'Andid (Associazione nazionale dietisti), che hanno aperto ieri a Milano il loro 23esimo Congresso nazionale, in programma fino a sabato.

Per quasi un italiano su 3 il fai-da-te si rivela un totale fallimento: il tentativo di perdere chili con suggerimenti trovati online, oltre ad essere spesso inefficace, è molto rischioso per la salute e il benessere fisico.

Tra i consigli pratici forniti dall'Andid a chi ha intenzione di perdere qualche chilo, ci sono innanzitutto quello di non saltare alcun pasto e quello di inserirvi una porzione di carboidrati e una di verdure. Si consiglia poi di preferire la frutta negli spuntini (massimo 2 al giorno), di limitare il consumo dei formaggi a due, tre volte a settimana, di mangiare pesce, di inserire piatti unici come zuppe di legumi e cereali in uno dei pasti principali almeno un paio di volte alla settimana. Ovviamente bisogna limitare anche il consumo di dolci e bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno. Particolare attenzione va data anche alla scelta dei metodi di cottura e dei condimenti: la chiave è cuocere al vapore, in umido, alla griglia e limitare i sughi ricchi (ragù, sugo con pancetta, panna, ecc.), privilegiando l'olio extravergine d'oliva a crudo.

Quando si segue una dieta “vera”, non è neanche necessario eliminare completamente cibi sfiziosi o rinunciare a pane e pasta, dicono gli esperti, né declinare inviti a cena perché si è sotto un regime alimentare. Per dimagrire non c’è bisogno di astrarsi dalla vita reale soffocando gusti ed emozioni, "che spesso sono legati ai significati profondi che il cibo ha per ognuno di noi sul piano emotivo, psicologico e sociale", ha affermato la presidente dell’Andid, Giovanna Cecchetto.

In conclusione, se siete spaventati dalla prova costume e volete iniziare una dieta, rivolgetevi ad un esperto dietista!

Roberta Ragni