4 motivi per amare i semi di lino

semi di lino

I semi di lino, infatti, sono un alimento davvero ricco di proprietà importanti per il nostro organismo, che manifestano la loro azione benefica su diverse problematiche. Tra le innumerevoli qualità che caratterizzano questi semi, ce ne sono quattro che possono essere a tutti gli effetti definite come le principali ragioni per cui amare i semi di lino.

1. Elevato contenuto di fibre solubili ed insolubili

I semi di lino, infatti, sono uno degli alimenti in assoluto più ricchi di fibre: basti pensare che quattro cucchiai della farina da essi creata contengono ben 8 grammi di fibre!

Le fibre, come tutti sanno, sono estremamente importanti per l'equilibrio della flora intestinale in quanto regolarizzano l'intestino e provvedono ad eliminare le eventuali tossine. Oltre a queste importanti funzioni, le fibre presenti nei semi di lino aiutano il processo digestivo, bloccando l'acidità in eccesso, effettuano un'azione regolatrice del livello di zuccheri nel sangue e contribuiscono ad abbassare il colesterolo.

2. Elevatissima presenza di lignani

I lignani sono delle sostanze di origine naturale note per la loro eccellente efficacia antibatterica e antifungina, oltre che per la loro capacità di potenziamento delle difese immunitarie.

Se assunti con l'alimentazione, queste sostanze, grazie alle loro proprietà antitumorali, riescono, inoltre, a ridurre il rischio di cancro. Nello specifico, come è stato dimostrato da recenti studi scientifici, i lignani riescono a rallentare la crescita delle cellule tumorali del cancro alla prostata e consentono di abbassare il rischio di cancro al seno.

Ulteriori proprietà dei lignani sono la capacità di alleviare i sintomi caratteristici del periodo della pre-menopausa, l'aumento della fertilità e la prevenzione del diabete di tipo 2.

I semi di lino sono uno dei pochi alimenti che possono vantare un'elevatissima concentrazione di lignani e che, quindi, costituiscono un importante aiuto nella prevenzione di diverse malattie.

3. Elevato contenuto di Omega-3

I semi di lino sono caratterizzati da un considerevole contenuto di Omega-3, vale a dire di acidi grassi essenziali dalle importanti proprietà antinfiammatorie. Molte delle più comuni malattie, quali, ad esempio, disfunzioni cardiache, artriti, diabete e asma, sono dovute, nella maggior parte dei casi, ad una forte infiammazione causata da uno scarso apporto di Omega-3 nell'organismo. Gli acidi grassi essenziali, nello specifico, sono in grado di apportare innumerevoli benefici al nostro corpo: una loro regolare assunzione,infatti, migliora i livelli di colesterolo buono nel sangue e migliora la salute di cuore e arterie, rende più elastiche le articolazioni e mantiene le ossa forti, potenzia le funzionalità del cervello (specialmente nei bambini, per cui la loro assunzione è particolarmente consigliata in gravidanza e durante l'infanzia), potenzia il sistema immunitario e rende la pelle più liscia.

4. Ridotto contenuto di carboidrati, basso indice glicemico e assenza di glutine

I semi di lino, pur avendo un profilo vitaminico e minerale molto simile a quello del grano, sono molto diversi da quest'ultimo, in quanto sono caratterizzati da un ridotto contenuto di carboidrati, unito ad un basso indice glicemico. Queste qualità, unite alla ricchezza di fibre che caratterizza i semi di lino, rendono questo alimento particolarmente indicato per coloro che seguono diete ipocaloriche volte alla perdita di peso.

Inoltre, grazie all'assenza di glutine, questi semi possono essere assunti anche dai soggetti affetti da celiachia.

In conclusione, i semi di lino sono estremamente preziosi per la salute del nostro organismo e, per questo motivo, dovremmo cercare di introdurli regolarmente nella nostra alimentazione.

Il loro uso, però, è sconsigliato a coloro che soffrono di problemi intestinali, i quali, a causa dell'elevato apporto di fibre che contraddistingue i semi di lino e del conseguente possibile effetto lassativo, potrebbero incorrere in effetti collaterali più o meno seri a seconda delle situazioni.

Fonte: Care2