Hotel Lux è tra i favoriti al Festival del Film di Roma

"Hotel Lux" sembra essere tra le pellicole favorite dalla giuria del Festival del Film di Roma.

In attesa del verdetto finale, è già notizia certa che il film, diretto dal regista tedesco Leander Haussmann, uscirà nelle sale cinematografiche italiane dopo essere stato acquistato dal distributore Arcibald Film.

Il regista è riuscito nell'intento di ricostruire, in maniera originale, la storia della nascita del partito nazionalsocialista tedesco. Le vicende del film sono ambientate a Berlino negli anni '30. Protagonisti sono due attori di cabaret, Mayer e Zeisig, che raggiungono la popolarità grazie alle loro imitazioni di Hitler e Stalin.

Zeisig è costretto a fuggire a Mosca, perseguitato dalla Gestapo, che maltollera la sua interpretazione dissacrante di Hitler. Si rifugerà presso l'Hotel Lux, albergo realmente esistito che negli anni tra le due guerre si trasformò in un vero e proprio rifugio per gli antifascisti.

Nel suo film Haussmann sbeffeggia sia il nazismo che il comunismo, puntando però a far emergere maggiormente gli orrori perpetrati durante la dittatura staliniana di cui, a suo parere, molto è ancora da chiarire:

"Del comunismo, di Stalin e delle violenze da lui perpetrate si parla ancora poco. In un momento in cui i russi, forza della propaganda, coltivano nostalgie di quel tremendo passato, era un dovere morale ricordare cosa accadeva a Mosca in quegli anni".

Marta Albè