A Saviano il Pinter Prize per Gomorra

Fonte Foto: MagaziNet.it

L'impegno di Roberto Saviano è stato riconosciuto anche all'estero.

Lo scrittore italiano, che ha avuto il coraggio di sfidare la camorra con la forza delle parole e delle immagini, è stato premiato a sorpresa con il Pinter Prize, premio letterario istituito in Gran Bretagna in memoria del regista teatrale e drammaturgo Harold Pinter, scomparso nel 2008.

L'associazione di scrittori Pen assegna dal 2009 due premi: uno al migliore scrittore britannico e l'altro ad uno "scrittore coraggio", perseguitato per le proprie idee, il cui nome viene annunciato durante la cerimonia.

Saviano condivide il premio con l'autore britannico Sir David Hare, che su di lui ha dichiarato: "Roberto Saviano ha sfidato la camorra, prima con il romanzo Gomorra e poi con il film che ne è stato tratto. Lo ha fatto mettendo ad alto rischio la sua sicurezza. La mia speranza nel condividere il premio con lui è che il riconoscimento del Pen possa, seppure in misura minima, rendergli la vita più facile".

Ed è anche la nostra speranza, dato che Saviano si trova costretto a vivere tuttora sotto scorta 24 ore su 24. Dalla pubblicazione di Gomorra, che ha venduto oltre 4 milioni di copie, lo scrittore vive nascosto, bersagliato da numerose minacce di morte.

Non avendo potuto essere presente alla premiazione, svoltasi a Londra la sera del 10 ottobre, Saviano ha inviato il seguente messaggio di ringraziamento: "Quando senti che molti hanno bisogno di vedere, sapere e cambiare, e non solo di essere intrattenuti o confortati, allora vale la pena di continuare a scrivere".

Marta Albè