Non più lifting, ma cellule staminali multipotenti

immagine

La chirurgia estetica si evolve ogni giorno, con risultati sempre più incredibilmente prossimi alla perfezione.

Le nuove tecniche di intervento estetico, per esempio, arrivano a garantire il 95% di soddisfazione in termini di risultato. Non solo: calano vertiginosamente gli effetti collaterali, e cala anche il tempo di attesa per potersi guardare nuovamente allo specchio e vedersi "come ci si vuole".

Ora, al posto dei classici lifting, è il momento dei trapianti di grasso autologo: lo si preleva da cosce, natiche o addome, lo si prepara adeguatamente e lo si reinnesta nelle aree del viso in cui manca un po' di polpa in più. Si chiama tecnica delle "staminali multipotenti", e offre un sacco di vantaggi: ampia disponibilità di tessuto adiposo (chi di noi non ha del grasso da spostare…), non-immunogenicità delle cellule (che, essendo della stessa persona, non producono anticorpi contrari e non vengono rigettate), conseguente maggiore capacità delle cellule di sopravvivere in condizioni ambientali avverse.

Sono rare, in questa metodica, anche le complicazioni generali e le irregolarità: infatti anche se parte del grasso trapiantato viene comunque riassorbito, il risultato estetico resta altissimo.

Se qualcuno di voi è più tradizionale e vuole invece optare per il classico ringiovanimento, ci sono novità anche in questo senso, perché i filler sono sempre più innovativi, arricchiti di neurotossine e impiegati in una rivoluzionaria procedura non-chirurgica chiamata "subliminal difference". Si iniettano le tossine con cannule dalle punte arrotondate, e poi si rimodellano manualmente con risultati visibili in pochi minuti. Funziona anche per correggere l'acne, la rosaceao anche i classici pori cutanei troppo dilatati.

Marina Piconese