Via le rughe senza il bisturi

via le rughe senza il bisturi

Non è ancora stato ritrovato l'antidoto in grado di contrastare l'invecchiamento della pelle, ma ci stiamo gradualmente arrivando. Infatti, è stata presentata nelle ultime settimane una nuova tecnica che levigherebbe le rughe, tonificherebbe la pelle e contrasterebbe la cellulite. Il tutto senza il bisogno di chirurgia e di bisturi, ma soltanto grazie ad una metodica agli ultrasuoni che proviene direttamente dagli avveniristici States.

Nessun patto con il diavolo, si tratta di un innovativo trattamento presentato a Milano dal Professore Daniel Cassuto, docente di chirurgia plastica all'Università di Catania. Il professore spiega che la avanguardistica tecnica utilizza l'energia della radiofrequenza. Quest'ultima, penetrando negli strati della pelle, si converte nel calore necessario a contrarre e a riallineare le fibre collagene. L'effetto termico causato dal trattamento risveglia i fluidi del derma che "stirano" la pelle rendendola più tonica e compatta. L'azione del calore prodotto stimola i fibroplasti che nell'arco di 2-6 mesi successivi producono nuovo collagene.

L'energia termica permette di arrivare negli strati più profondi della pelle, lasciando la superficie ad una temperatura di un massimo di 40 gradi. Ciò avviene perché la sofisticata tecnica Endymed è formata da sorgenti multiple 3 DEEP e permette di conferire alla pelle il calore atto a levigarla senza surriscaldarla. Un ciclo completo consta di sei sedute : quattro settimanali e le ultime due nel mese successivo.

L'avanzato trattamento è indolore e permette per la prima volta di agire su tutte e tre le dimensioni di viso e corpo: lunghezza, larghezza e profondità superando i limiti delle attuali RF mono e bipolare che non riescono ad arrivare in profondità. Il sogno di restare giovani per sempre è un'utopia e, ci permettiamo di aggiungere, una mania dell'era contemporanea che trae origine dal mito di Faust. Wilde raccontò splendidamente la paura dell'avanzare inesorabile del tempo, forse molte donne dovrebbero leggerlo o rileggerlo. Però se l'imbalsamazione della giovinezza non è più un sogno irraggiungibile, a ben vedere (cellulite a parte, nda), qualche ruga potrebbe caratterizzare “quell'espressione un po' così” del nostro bel visino. Che ne dite?

Mariagloria Fontana