I capelli cadono? 4 luoghi comuni da sfatare

autunno cadono capelli

Possibile o è un caso? In autunno, i capelli cominciano a venire giù a ciocche, come se a farli precipitare inesorabilmente verso il basso non bastassero già stress e inquinamento.

Si tratta di un meccanismo fisiologico – non c'è da allarmarsi – dovuto al "lavoro" di ogni follicolo pilifero che alterna cicli di attività a cicli di riposo, così da assicurarci la presenza di tutti i capelli in testa.

Caduta e rinnovo si verificano costantemente, ma ci sono fattori, tra questi proprio la stagione autunnale, che incidono sulla quantità dei capelli che cadono. Di solito, si tratta di una caduta generalizzata, che interessa tutta la testa.

Ma c'è qualche rimedio per frenare un po' il sia pur naturale corso degli eventi? Qua e là in internet si trovano parecchi consigli, dall'integrazione della dieta con vitamine al massaggio con i polpastrelli del cuoio capelluto. Che siano utili o meno lo lasciamo decidere a voi. Noi di wellMe.it pensiamo che cura e dedizione il capello se le meriti tutto l'anno, magari optando per rimedi naturali, e che soluzioni miracolose in realtà non ce ne siano. Bisogna solo aspettare che passi la stagione.

Intanto, è bene sfatare alcuni luoghi comuni.

Tagliare i capelli credendo di rafforzarli è una credenza vecchia quanto il mondo. I capelli nascono nei follicoli piliferi, sui quali si innesta il muscolo erettore del pelo dove sbocca il dotto della ghiandola sebacea. Il bulbo, a sua volta, racchiude del tessuto dermico molto vascolarizzato, cioè la papilla dermica, che serve per il nutrimento del pelo. Il problema, quindi, non è da ricercare all'esterno e non può collegarsi alla lunghezza dei capelli.

Per lo stesso motivo, inoltre, è inutile perder tempo con lozioni dagli effetti prodigiosi, creme, balsami e oli. Non servirà a evitarne la caduta.

E poi, chi l'ha detto che lavare troppe volte i capelli fa male? Ma ben vengano anche 3 o 4 shampoo alla settimana. I capelli che vengono giù durante il lavaggio sono quelli già alla fine del loro ciclo di vita e che cadrebbero in ogni caso.

Tinture, colorazioni e permanenti, quelle classiche del parrucchiere, fanno male per le sostanze chimiche che contengono, ma non sono loro la causa di un'eventuale caduta, a meno che non comportino delle allergie. Ad ogni modo, perché non affidarci ad alternative naturali?

 

Pin It