Acqua di rose, un tonico delicato e naturale per il viso: come preparala a casa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’acqua di rose è uno di quei prodotti di bellezza senza tempo. La usavano le nostre mamma e addirittura le nostre nonne e ancora oggi resta insostituibile nella beauty routine di molte donne. Non emana soltanto un gradevolissimo profumo floreale, ma rappresenta uno degli astringenti per la pelle più efficaci e delicati.

Usi e benefici dell’acqua di rose

Oltre ad essere un prodotto naturale molto profumato, l’acqua di rose è un vero toccasana per il viso ed è adatta a diversi tipi di pelle. Elenchiamo i suoi principali benefici:

  • mantiene un adeguato pH della pelle
  • controlla la produzione eccessiva di sebo
  • esercita un’azione antinfiammatoria, utile per combattere gli arrossamenti, le irritazioni, l’acne, le dermatite e gli eczemi
  • idrata e rivitalizza la pelle
  • rigenerare i tessuti e aiuta in presenza di tagli e cicatrici
  • tonifica il viso e pulisce i pori

L’acqua di rose viene utilizzata, quindi, nella preparazione di maschere purificanti e peeling naturali. Ad apprezzarla sono in particolare le persone che soffrono di dermatite seborroica, occhiaie, acne, edemi e couperose.

Come preparare l’acqua di rose a casa

L’acqua di rose è un prodotto facilmente reperibile al supermercato, nelle profumerie e in negozi di cosmetici, ma non sempre quella che si trova sul mercato è pura al 100%. Il rischio è quello di acquistare un’acqua di rose con una formula contenente conservanti e oli sintetici. Perché non prepararla in casa, proprio come facevano da giovani le nostre mamme e nonne? Il procedimento è davvero semplice e richiede poco tempo.

Ingredienti:

  • petali di rosa
  • ghiaccio in cubetti
  • acqua
  • pentola grande

Il primo passo da compiere è quello di riempire la pentola d’acqua e di petali di rose. A questo punto, mettetela sui fornelli e portatela ad ebollizione, coprendola con un coperchio. Abbassate leggermente il fuoco e aggiungete il ghiaccio (l’equivalente di 2 o 3 vaschette), appoggiandolo sull’estremità del coperchio.

In questo modo si creerà una sorta di condensa: il vapore alzandosi va colpire la parte fredda. Adesso non resta che prendere le gocce attaccate alle pareti del coperchio e farle cadere in un piccolo barattolo. Ripetete l’operazione più volte, posizionando altri cubetti di ghiaccio.

Il metodo col ghiaccio garantisce un’elevata qualità del prodotto, ma se preferite optare per una preparazione più immediata potete usare una pentola grande piena di acqua e petali di rose da far bollire per circa un quarto d’ora. Appena si sarà raffreddata, usate un imbuto per riempire delle bottiglie o dei barattolini con la vostra acqua di rose preparata in casa.

L’acqua di rose va conservata in frigo o congelata in cubetti per averla sempre fresca e tonificare la vostra pelle.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Siciliana nata tra le pendici dell’Etna e il mare, ma trapiantata a Roma da qualche anno. Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo, è appassionata al mondo del benessere e del bio. Estremamente curiosa, ama scrivere, conoscere nuove storie e osservare il mondo, soprattutto attraverso le lenti di una macchina fotografica.